.
Annunci online

vivere è un atto di fede sulla mia strada
29 novembre 2007
voglio emigrare!
QUESTA E' L'ITALIA..
SONO TROPPO DELUSA PER COMMENTARE!

DA" IL GIORNALE"
:manco fosse un secolo fa. Invece no, era appena ieri quando Marco Ahmetovic, teneva gli occhi bassi. Lo sguardo supplichevole, contrito, qualcuno giura di aver scorto perfino una lacrimuccia.
Seduto sul banco degli imputati del tribunale di Ascoli, quel 5 ottobre, il gitano dagli occhi inermi stava sfoggiando tutto il suo pietistico repertorio. Doveva rispondere dell’omicidio di quattro ragazzini, quelli che aveva travolto e ucciso guidando ubriaco un furgone lungo le strade di Appignano. Nulla da dire a sua discolpa. E intorno una folla inferocita.

Sei anni e sei mesi sentenziò il giudice. Senza però rimetterlo in cella. Lo scaltro ventiduenne romeno avrebbe potuto continuare a godersi la vita nella dolce prigionia dei domiciliari guardando il mare da un residence di San Benedetto del Tronto.

Marco Ahmetovic, lo sguardo del pentito, lo ha perso subito. E oggi già indossa i panni del divo. Costava 159 euro l’orologio «griffato» Ahmetovic che era stato messo in vendita on line. Ma solo per qualche ora: eBay ha bloccato l’asta di uno dei tanti gadget e prodotti (ci sono persino gli abiti in stile «zingaro»). «La mia - sosteneva fino a ieri senza pudori Alessio Sundas, l’agente pubblicitario ideatore della campagna - è una scommessa. Quella di fare di un assassino, di cui comunque non sono stato il complice, una star. Non me ne vergogno, è il mio lavoro. Con lui ho un contratto da 40mila euro per i diritti d’immagine».

Chissà se in questo osceno trionfo dell’impudenza avrà trovato qualche cliente. A due giorni dall’inizio delle vendite da ieri sembra che l’acquisto telematico per un originale «pezzo da rom» sia impossibile. Chi digita il codice numero 320187690662 si vede rispondere che «è stato rimosso o non è più disponibile. Assicurati di avere inserito il numero di oggetto corretto. Se l’inserzione è stata rimossa da eBay, considerala annullata».

Sul caso, dopo polemiche furibonde innescate da politici e soprattutto dai familiari delle vittime, ieri, finalmente, è intervenuto anche il guardasigilli. «Nei termini in cui è stata riferita all’opinione pubblica attraverso i media, mi sembra una vicenda sconcertante, spero non sia così», ha detto Clemente Mastella. «Pur non potendo interferire come è giusto che sia nei confronti dell’autorità giudiziaria - spiega il ministro della Giustizia - ho dato mandato per verificare se queste cose sono vere. Se fosse vero che si può fare pubblicità dopo che si sono ammazzati alcuni ragazzi e dopo che in custodia cautelare si vive in condizioni non uguali a quelle degli altri, mi sembra allora una cosa francamente non seria e difficile da comprendere (il rom ha infatti il divieto di colloquio con persone diverse dal suo padrone di casa, il legale e i genitori, ndr)». Insomma è partita un’inchiesta con tanto di ispettori spediti ad Ascoli. Che il centro destra plaude, seppur con irritazione. Parlando di «colpevole ritardo del ministro». «Nel frattempo il ragazzo romeno - sostiene Isabella Bertolini, vicepresidente dei deputati di Fi - ha trascorso il suo tempo agli arresti domiciliari in un confortevole residence in riva al mare, firmando contratti faraonici, lucrando sulla tragedia di 4 famiglie italiane».

Così anche Ahmetovic, ora tenta la retromarcia. E lo fa con l’aiuto di Marco Fabiani, l’uomo che gli ha offerto l’alloggio. «Marco - giura Fabiani - è profondamente turbato dalle notizie deliranti messe in giro dal signor Sundas che cerca di farsi pubblicità presentando all’opinione pubblica contratti per occhiali, profumi, jeans e quant’altro, inesistenti». «Ahmetovic - prosegue Marco Fabiani - non ha percepito compenso per tali vergognosi prodotti».

********
fa tutto troppo schifo.
se poi penso che in giro c'è gente che sta roba la comprerebbe davvero..
mi viene veramente da vomitare!
 
                                                    ***




permalink | inviato da Sweet-Barracuda il 29/11/2007 alle 10:2 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa
8 settembre 2007
io aderisco!




permalink | inviato da Sweet-Barracuda il 8/9/2007 alle 13:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa
25 febbraio 2007


Ieri sera sono andata al cinema con un mio amico a vedere questo film.Mi è piaciuto anche se ho trovato migliore il primo.Inm particolare grandissimo Panariello nel fare la parte del genitore fedifrago e praticamente assente nella vita del figlio ma che alla fine gli salva il culo,e gli esami.
Ieri sera al cinema c'erano tutto coppiette e come mi capita ogni tanto mi è venuto un pò di magone.Cioè tutti intorno a me hanno trovato la loro metà,io invece ancora non sto bene con me stessa.In fondo anch'io ho una voglia matta di innamorarmi ,di abbracciare forte qualcuno,di farmi coccolare un pò.Ma esiste questa persona?E poi perchè devo essere così difficile nel trovare la persona che mi fa battere il cuore?
Va beh dai,così è la vita.

Anche nel mio paese che fa quasi 6000 abitanti il centro è completamente chiuso alla circolazione delle auto.Io non so se queste iniziative servono davvero..sono però convinta che bisogna fare qualcosa per cercare di aumentare la coscienza civile degli italiani che sono dei gran sprecani e in alcuni casi dei gran lettamai incivili..buttare le cicche dai finestrini e le carte delle caramelle per terra è solo una delle tante azioni che fanno milioni di italiani.
In fondo ci vuole talmenyte poco per cercare di rendere l'ambiente un pò più decente!!!




permalink | inviato da il 25/2/2007 alle 16:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
17 febbraio 2007
eravamo bellissimi

Oggi mi sento veramente orgogliosa di essere vicentina
forse per la prima volta nella mia  vita ho capito che in fondo questa città quando vuole non è per niente male e ha le palle per reagire.
Quando ho detto ai miei che volevo andare alla manifestazione non hanno sprizzato per niente gioia.. in tv e sui giornali non hanno fatto altro per tutta la settimana che buttare fango e mettere paura alla gente pensando che sarebbe successo qualcosa,invece è stata una manifestazione bellissima,civile.
Un fiume di gente,tante bandiere della pace,tanti bambini ma la cosa più bella è stata vedere tanti americani con noi.Marciare con noi.
Certo che poi hanno detto tante di quelle stronzate.L'hanno fatta passare per una manifestazione politica,della sinistra contro se stessa.Se ci foste stati in mezzo capireste che ciò è vero in parte.Sta storia della caserma è uscita a Vicenza due anni fa quando si cercava una maniera per valorizzare il poco considerato aeroporto civile Dal Molin.Non sono stati gli stati uniti a chiedere un ampiamento della base nato ma il governo italiano di allora,leggi Berlusconi,ad aver offerto la disponibilità agli americani.Essendo già presente in città una base americana,la conosciutissima Ederle,ovviamente la proposta è stata accettata.Tutto era già deciso due anni fa.Ma mistero,sta storia che noi vicentini,sapevamo da tempo,è ricomparsa solo sei mesi fa.Il comportamento di Prodi e company è stato inqualificabile.La mortadella si è comportato come Ponzio Pilato lavandosene le mani,senza darci nemmeno la possibilità di un referendum locale..niente.E alla Ederle già stanno facendo i progetti per la nuova caserma.
So che qua molte persone sono favorevoli,soprattutto coloro che abitano vicino alla base.Avere nuovi militari vuole dire affittare case ai loro famigliari ,quindi avere soldini.
Ma che schifo.
Io sono tagliata fuori per questo discorso.Abito a 30 km da Vicenza,per capirci io sto verso Rovereto,me montanara yes!
Io ho votato per questi quattro imbecilli che abbiamo al governo e lo rifarei...la faccia da cazzo di Berlusconi proprio non la reggo.
La manifestazione di oggi è stata stupenda.A parte uno striscione pro brigate rosse che ho visto anch'io e che trovo incommentabile,ci sono stati molti canti pacifici,molte volte è stato cantato o bella ciao allo sfinimento e il mio nome è mai più ha fatto la sua porca figura!.Insuperabile Dario Fo in Campo Marzio..quest'uomo è un mito.Lui e Franchino insuperabili..da 10 e lode!ho costruito uno spettacolo ad hoc strabiliante.
Non so a numeri quanti eravamo,io sono solo che abbiamo camminato per circa sei km e c'era gente ovunque.Veramente veramente bello.Prese per il culo di Prodi e del governo tantissime.Essendo sotto carnevale poi vere e proprie maschere,che risate.Da morire una signore con un cartellone con scritto il mio nome è mai più che io ho addottato come madre durante il corteo!favolosa!Chissà chi mi ricordava!!!!AHAHAH
Concludo dicendo soltanto una cosa:Berlusca ma vatti a nascodere và.Una giornata triste?Ah signore che mi tocca sentire!!

Decisione presa nell'ultima ora:DOMANI VADO A NOVELLARA(REGGIO EMILIA)AL CONCERTO ANNUALE DEI NOMADI DI TRIBUTO AD AUGUSTO!!!!!!E dato che novellare sta vicino a Correggio...magari ci facciamo un salto.
Poi per chi sa come sto presa ultimamente, gemella vieni in mio soccorso!!!!!,giudico molto pericoloso passare per Parma.......AIUTO!!! un certo signor Bossini è avvisato!




permalink | inviato da il 17/2/2007 alle 21:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa
16 febbraio 2007
manifestazione


cari bloggers,
io domani ci sarò..
non servirà a nulla perchè la decisione è stata presa e non c'è nulla da fare
ma il mio dissenso lo voglio esprimere tutto.




permalink | inviato da il 16/2/2007 alle 10:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa
4 febbraio 2007
ma che schifo

Viviamo in un mondo che mi fa veramente schifo.
Prima di fare qualcosa per fermare la violenza nel calcio
hanno aspettato che ci scappasse il morto.
Visto che è stata una vera e propria caccia.
Stavano preparando il tutto da mesi
e le scritte vergognose che sono comparse in giro
le varie rivendicazioni..
neanche commento
mi vergogno di far parte dell'essere umano attualmente.
Noi uomini facciamo sempre più schifo
non c'è più nessun limite..
fino a che sapremo arrivare?
ci azzaneremo uno con l'altro?
in che mondo vivranno i nostri eventuali figli?
e quanto coraggio bisogna avere per mettere al mondo una creatura nel nostro mondo?
Faccio pure fatica a chiamarlo mondo..
mi fa schifo ciò che stiamo diventando,..
mi fa schifo ciò che siamo..
ho paura di pensare a ciò che accadrà in un futuro..
non voglio pensarci.
Ma ora ho più paura di prima.




permalink | inviato da il 4/2/2007 alle 14:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa
27 gennaio 2007
per non dimenticare mai

Son morto con altri cento, son morto ch' ero bambino,
passato per il camino e adesso sono nel vento e adesso sono nel vento....

Ad Auschwitz c'era la neve, il fumo saliva lento
nel freddo giorno d' inverno e adesso sono nel vento, adesso sono nel vento...

Ad Auschwitz tante persone, ma un solo grande silenzio:
è strano non riesco ancora a sorridere qui nel vento, a sorridere qui nel vento...

Io chiedo come può un uomo uccidere un suo fratello
eppure siamo a milioni in polvere qui nel vento, in polvere qui nel vento...

Ancora tuona il cannone, ancora non è contento
di sangue la belva umana e ancora ci porta il vento e ancora ci porta il vento...

Io chiedo quando sarà che l' uomo potrà imparare
a vivere senza ammazzare e il vento si poserà e il vento si poserà...

Io chiedo quando sarà che l' uomo potrà imparare
a vivere senza ammazzare e il vento si poserà e il vento si poserà e il vento si poserà...
 
FRANCESCO GUCCINI




permalink | inviato da il 27/1/2007 alle 14:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
17 gennaio 2007
Sul Dal Molin..
Il caso Dal Molin sta spaccando in due Vicenza e i suoi abitanti.
Da una parte un agguerito corteo del comitato del NO che ha stabilito un presidio fisso in un campo poco distante dalla caserma
dall'altra gli industriali, i lavoratori della caserma e la giunta provinciale che sono per il sì
a cui si è aggiunto pure il sì del governo
un sì  che sembra non molto dettato da una precisa presa di posizione del governo ma dal mantenimento della parola già dato due anni fa dal governo Berlusconi al generale della Nato in visita in Italia.
In pratica Prodi se n'è lavato le mani visto che la decisione era già stata presa da Berlusconi e soci e se ne frega pure di un eventuale referendum che giudica "un problema locale",l'ha detto lui stesso durante le varie interviste e conferenza stampa di ieri pomeriggio.  Il problema è complesso. L'ampliamento del Dal Molin alla Nato vorrebbe dire avere a Vicenza,città protetta dall'unesco,la base più grande d'europa..a rendere Vicenza un obiettivo militare e strategico..e di sicuro renderebbe i vicentini ancora più malfidenti e paurosi di quello che sono.Chi meglio di una vicentina di provincia può descrivere i vicentini?
D'altra parte si sa che già la già esistente caserma Ederle procura alla città un bel giro di
soldi.Buona parte degli acquisti di Vicenza Oro,la celebre fiera che porta in città moltissimi adetti del settore e non solo, finisce negli States,molte aziende ruotano intorno alle esigenze della caserma..in più ci lavorano circa mille persone italiane.Da ricordare le testuali parole che ha detto il comandante della base:nel caso non ci fosse l'ampliamento della base americana,tutto il corpo militare in forza a Vicenza,l'intera Ederle,se ne andrebbe in Germania visto che l'Italia non mantiene la parola data.In questo caso gli industriali sono già sul piede di guerra visto la perdita di interessi economici e lo stesso la categoria dei lavoratori interni alla base.
Sinceramente io sono contraria alla base americana.Non capisco la necessità di altri militari in città ma di questioni politiche,ammetto di essere più che ignorante.Ma sono consapevole anche del fatto che gli interessi economici sarebbero ingenti,soprattutto sew verranno veramente eliminati i dazi doganali sulle esportazioni orafe..Sembra che via di mezzo,intermediarie,non esistano.Si devono prendere delle decisioni nette.
Sono due anni ormai che a Vicenza e provincia ci troviamo a vivere questa vicenda.Ma solo adesso siamo arrivati a dover prendere una decisione.Mi sembra che tutto questo sia abbastanza paradossale,segno che in Italia,come al solito,la politica,si passa i pacchi scottanti uno con l'altro senza prendere subito le decisioni,che sarebbe la cosa migliore.
Ed adesso aspettiamo come andrà a finire.



permalink | inviato da il 17/1/2007 alle 13:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa
20 dicembre 2006
troppo vero

Il paradosso del nostro tempo nella storia è che abbiamo edifici sempre più alti, ma moralità più basse, autostrade sempre più larghe, ma orizzonti più ristretti.
Spendiamo di più, ma abbiamo meno,comperiamo di più, ma godiamo meno.
Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole,più comodità, ma meno tempo.
Più conoscenza, ma meno giudizio,più esperti, e ancor più problemi,più medicine, ma meno benessere.
Beviamo troppo, fumiamo troppo,spendiamo senza ritegno, ridiamo troppo poco,guidiamo troppo veloci, ci arrabbiamo troppo,facciamo le ore piccole, ci alziamo stanchi,vediamo troppa TV, e preghiamo di rado.
Abbiamo moltiplicato le nostre proprietà,ma ridotto i nostri valori.
Parliamo troppo, amiamo troppo poco
Abbiamo imparato come guadagnarci da vivere,ma non come vivere.
Abbiamo aggiunto anni alla vita, ma non vita agli anni.
Siamo andati e tornati dalla Luna,ma non riusciamo ad attraversare la strada per incontrare un nuovo vicino di casa.
Abbiamo conquistato lo spazio esterno, ma non lo spazio interno.
Abbiamo creato cose più grandi, ma non migliori.
Abbiamo pulito l'aria, ma inquinato l'anima.
Abbiamo dominato l'atomo, ma non i pregiudizi.
Pianifichiamo di più, ma realizziamo meno.
Abbiamo imparato a sbrigarci, ma non ad aspettare.
Costruiamo computers più grandi per contenere più informazioni, per produrre più copie che mai, ma comunichiamo sempre meno.
Questi sono i tempi del fast food e della digestione lenta,grandi uomini e piccoli caratteri,
ricchi profitti e povere relazioni.
Questi sono i tempi di due redditi e più divorzi,case più belle ma famiglie distrutte.
Questi sono i tempi dei viaggi veloci, dei pannolini usa e getta,della moralità a perdere, delle relazioni di una notte,dei corpi sovrappeso e delle pilloleche possono farti fare di tutto,
dal rallegrarti al calmarti, all'ucciderti.
E' un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
Un tempo in cui la tecnologia può farti arrivare questa lettera,e in cui puoi scegliere di condividerequeste considerazioni con altri, o di cancellarle.
Ricordati di spendere del tempo con i tuoi cari ora,perché non saranno con te per sempre.
Ricordati di dire una parola gentile a qualcunoche ti guarda dal basso in soggezione,
perché quella piccola persona presto crescerà e lascerà il tuo fianco.
Ricordati di dare un caloroso abbraccio alla persona che ti sta a fianco,perché è l'unico tesoro che puoi dare con il cuore e non costa nulla.
Ricordati di dire "vi amo" ai tuoi cari, ma soprattutto pensalo.
Un bacio e un abbraccio possono curare ferite che vengono dal profondo dell'anima.
Ricordati di tenerle le mani e godi di questi momenti,perché un giorno quella persona non sarà più lì.
Dedica tempo all'amore, dedica tempo alla conversazione,e dedica tempo per condividere i pensieri preziosi della tua mente.
E RICORDA SEMPRE:la vita non si misura da quanti respiri facciamo,ma dai momenti che ci tolgono il respiro.




permalink | inviato da il 20/12/2006 alle 15:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
7 dicembre 2006
Ma in che mondo viviamo?mi fa schifo

DAL GIORNALE DI VICENZA DI OGGI-7 DICEMBRE 2006..io mi limito di dire no comment!

Brendola.
Sconcertante episodio di vandalismo nel giardino dell’istituto comprensivo Galilei

Coniglietti dilaniati dai petardi
Fatti a pezzi da teppisti gli animali “ospiti” della scuola

Hanno messo i petardi in bocca ad alcuni piccoli conigli e li hanno fatti esplodere, dilaniando i poveri animali. L’incredibile episodio è avvenuto alcuni giorni fa a Brendola, a pochi metri dall’istituto comprensivo “Galilei”. Ma oltre alla violenza fisica, di cui sono rimasti vittime degli animaletti indifesi, c’è l’aggravante della violenza psicologica: i resti dei conigli, sparsi per il giardino, sono stati visti da molti alunni della scuola media e della scuola elementare, che si trova a pochi metri. Tanti bambini si erano affezionati a quei batuffoletti di pelo, nati da poco. Un affetto devastato nel modo più crudele e insensato.

La scoperta è stata fatta da alcuni collaboratori scolastici, che hanno avvertito la direzione dell’Istituto comprensivo. Sulle prime non era chiaro a quale animale appartenessero i testi, ma ben presto si è capito che l’obiettivo dell’assurdo atto di vandalismo era la famigliola di conigli che aveva eletto a propria residenza le zone verdi attorno ai due plessi, le elementari e le medie, che compongono il “Galilei”.
Era diventata quasi una tradizione, per i bambini e i ragazzi, andare a salutare gli amici coniglietti, e non di rado gli adulti si imbattevano nei simpatici animaletti durante le passeggiate in quella zona.
Questo rende ancora più odioso il gesto vandalico: «I conigli si erano insediati nel giardinetto dietro la casetta dei donatori di sangue - spiega il sindaco Mario Dal Monte -. Ucciderli in quel modo cinico è stata la bravata di qualche bulletto, probabilmente un gruppetto di minorenni. Non si è riusciti a identificare i colpevoli, ma credo che una denuncia, nei loro confronti, sarebbe una misura eccessiva, per quanto l’episodio sia il segno di un certo tipo di abbandono e richiami la necessità di insistere sull’educazione civica».
Il dirigente scolastico, Iole Antonella Frighetto, ha reso noto l’episodio tanto all’Amministrazione comunale quanto ai carabinieri di Brendola, la cui caserma - casualmente - è a poca distanza dalle scuole stesse. La dirigente Frighetto avrebbe anzi sporto una denuncia contro ignoti. Intanto è stato avviato un ciclo di incontri della Scuola genitori dedicati, tra l’altro, anche al bullismo.
«Credo che i responsabili non abbiano nulla a che fare con la scuola - è il parere di Luciana Giacon, presidente del Consiglio d’istituto - potrebbero anche essere degli adulti. L’episodio è deplorevole, bisogna che ciascuno se ne faccia carico a livello civile».




permalink | inviato da il 7/12/2006 alle 20:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa
sfoglia
settembre       

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte

Photobucket
Photobucket

www.flickr.com
Questo è un badge Flickr che mostra le foto pubbliche di erica.trentin. Crea il tuo badge qui.

Photobucket
Image Hosted by ImageShack.us

Image Hosted by ImageShack.us

Photobucket
Photobucket

Photobucket
Photobucket
Photobucket
Photobucket


Photobucket

Image Hosted by ImageShack.us